fip blue 1000

Sito ufficiale Virtus Ragusa

Sito ufficiale Virtus Ragusa

Un sogno chiamato finale: la Virtus in trasferta a Salerno

Domani sera gara-2. Recupido avverte: “Sarà una gara fisica, non cediamo alle provocazioni. Domenica abbiamo difeso in modo super”.

Domani sera a Salerno, nel match valido per gara-2 delle semifinali playoff, la Virtus ha a disposizione il primo match point per l’accesso alla finale. La squadra di coach Gianni Recupido partirà questa sera per la Campania, dove domattina sosterrà lo shootaround al PalaSilvestri, prima della palla a due in programma alle 20.30.

Dopo la vittoria di gara-1 al PalaPadua, ottenuta al termine di 40’ di grande intensità, arriva un altro test impegnativo contro Chaves e soci: “Mi aspetto una gara fisica e le mani addosso dal primo all’ultimo minuto – dice coach Recupido -. Loro giocheranno in casa ed è probabile che gli venga concesso qualche contatto in più, che sia in uscita dai blocchi, sul palleggio o in avvicinamento a canestro. La Power è una squadra forte, preparata e molto lunga. Hanno giocatori di mestiere. Noi dobbiamo essere maturi e pronti mentalmente come lo siamo stati in gara-1, evitando di cadere nelle provocazioni”.

Alcuni aspetti della prestazione di domenica scorsa costituiscono un’iniezione di fiducia e confermato che la Virtus, nonostante le assenze di Calvi e Sorrentino, ha qualcosa di speciale: “Abbiamo avuto un grande atteggiamento difensivo, evitando di concedere vantaggi – prosegue Recupido -. Siamo riusciti a tenere Salerno a 64 punti, di solito è una squadra che ne mette 90. Anche noi abbiamo abbassato le nostre percentuali, ma si sa che con l’aumento dell’intensità e della velocità, subentra un maggior numero di errori. I ragazzi sono stati bravi, ma non abbiamo fatto ancora nulla”. La sfida di Salerno sarà arbitrata da Amatori di Brindisi e Procacci di Corato. L’eventuale “bella” si disputerà domenica 26 maggio a Ragusa.

Condividi: