LNP

Sito ufficiale Virtus Ragusa

Sito ufficiale Virtus Ragusa

Bertocco scalda la mano: l’ala di Correggio firma per la Virtus

Reduce da metà stagione a Piacenza, ha maturato esperienze fra la B e l’A2. “Ho scelto Ragusa perché mi ha voluto fortemente” Nicolò Bertocco è un nuovo giocatore della Virtus Ragusa. L’ala originaria di Correggio, classe ’95, è il secondo innesto dopo quello di Hugo Erkmaa. Bertocco, alto 198 cm, ha giocato la seconda parte della scorsa stagione alla Bakery Piacenza, in Serie B, dove la squadra allenata da coach Salvemini ha chiuso la propria avventura in gara-5 dei quarti playoff, sconfitta da Jesi. Ed è proprio in quella serie che Bertocco ha dato prova delle sue capacità balistiche: in gara-3, in particolare, l’ex giocatore di Ozzano ha realizzato 31 punti con 8/9 dall’arco. In stagione regolare aveva segnato 9.5 di media. L’atleta, cresciuto nel mito di Iverson e Kobe, ha frequentato il settore giovanile della Pallacanestro Reggiana. Il battesimo senior è giunto nel 2013-14, quando ha disputato la C regionale con la sua Correggio. Poi il trasferimento a Lugo, prima di passare a Matera, in A2. Dopo un campionato di Serie B a Ortona, ritorna a casa per indossare la casacca del Bk 2000 Reggio Emilia. Nel 2019/20 viene ingaggiato da Ruvo di Puglia, e l’anno dopo si trasferisce a Ozzano dove mette insieme le cifre migliori della sua carriera (18.3 punti di media), diventando il miglior realizzatore della Serie B e salvandosi nella “bella” contro Cecina. Nella stagione 2021/22 si trasferisce a Teramo, con coach Salvemini, da cui viene (ri)accolto a Piacenza qualche mese fa. In mezzo una stagione in B con la Sangiorgese e un’esperienza a Rieti, con cui si aggrega – lo scorso anno – per la disputa della Supercoppa di Serie A2. “Ho scelto la Virtus perché fin da subito ha mostrato grande interesse nei miei confronti – dice Bertocco -. Ho avvertito un ambiente positivo e ambizioso fin dal primo impatto. L’obiettivo, come ogni anno, è progredire come giocatore e come squadra, e cercare di raggiungere i traguardi che ci siamo preposti”. Poi Bertocco si presenta: “Sono un giocatore che per caratteristiche può ricoprire sia il ruolo da “3” sia da “4” tattico. Spero di portare intensità ed esperienza alla squadra. Non vedo l’ora di incontrare i tifosi”.

La Virtus affida la regia a Hugo Erkmaa: l’estone è il nuovo play

Il giocatore classe ’99 proviene da Sala Consilina, ma ha già vestito le maglie di Napoli e Trapani. “L’atmosfera del PalaPadua mi ha sempre affascinato” Un play estone, di formazione italiana, amante del pick n’roll e delle piazze che trasmettono passione: Hugo Erkmaa, classe ’99, è il primo innesto della Virtus per il prossimo campionato di Serie B Nazionale. Reduce da un paio di stagioni con Sala Consilina, fierissima rivale di Ragusa nella scorsa regular season, Erkmaa è ormai un italiano acquisito, avendo vissuto la trafila nelle giovanili fra Padova e Mens Sana Siena. Arrivato in B con la Fiorentina, c’è rimasto con la Gevi Napoli, che concluse la stagione 2018-19 in semifinale promozione (sconfitta da Palestrina). La squadra allenata ai tempi da Gianluca Lulli (ex capitano di Teramo) venne poi ripescata in A2. Dopo un passaggio alla Scandone Avellino, altra piazza storica del nostro basket, Erkmaa è approdato in Sicilia, a Trapani, dove ha disputato la stagione 2020-21, sempre in A2. Poi il trasferimento a Taranto e infine, nell’estate 2022, l’approdo a Sala Consilina, dove nell’ultimo campionato il play ha messo insieme cifre importanti, specie nella seconda fase, segnando 8,3 punti di media, tirando col 45,8% dall’arco e aggiungendo 5,6 rimbalzi. Nella sua ultima esperienza campana, Erkmaa ha fornito quasi quattro assist ed è andato in doppia cifra per valutazione (10,5). Nonostante le sue performance, Sala (record di 1-1 contro la Virtus in stagione regolare) si è fermata nei quarti, sconfitta per 2-0 da Molfetta. “Quando è arrivata la chiamata della Virtus non ci ho pensato troppo – dice Erkmaa -. In passato avevo già capito che mi sarebbe piaciuto giocare a Ragusa. Ho avuto modo di apprezzare il posto, la squadra, l’organizzazione e la grande atmosfera al palazzetto. Ogni battaglia disputata contro la Virtus mi ha reso un giocatore migliore. Non vedo l’ora di ricominciare a competere”. “Mi piace prendermi delle responsabilità e mettere in ritmo i compagni grazie alla mia fisicità e visione di gioco – aggiunge il nuovo play, 193 cm – E soprattutto usare il pick ‘n roll per trovare i tiratori sul perimetro, oppure crearmi spazio e penetrare al ferro”. Infine gli obiettivi stagionali: “Per arrivare a vincere – spiega – bisogna migliorare giorno dopo giorno. E farlo sia individualmente che come squadra. Dobbiamo presentarci alla prossima primavera nella miglior condizione possibile”.

Piscetta aggiunge centimetri alla Virtus: rinnovato l’accordo

Il centro piemontese proseguirà la sua crescita con la maglia di Ragusa: “E’ una città che trasuda pallacanestro, orgoglioso per la fiducia” Il percorso di crescita di Francesco Piscetta, che l’ha visto fra i protagonisti nell’ultimo finale di stagione, continua a Ragusa. L’ex Borgomanero, 203 cm, è stato confermato dalla Virtus per il prossimo campionato di Serie B Nazionale. Un palcoscenico di prestigio per “Pisca”, classe 2002 e reduce dalla prima esperienza lontano da casa. Il giovane piemontese, che aveva cominciato l’esperienza da quarto lungo, è stato chiamato in causa sempre più spesso dallo staff tecnico, anche a causa dei problemi fisici che hanno limitato Calvi e, talvolta, Vavoli. Nel corso della stagione Piscetta ha fatto intravedere notevoli miglioramenti nell’approccio alla partita e nel linguaggio del corpo. E’ cresciuto in termini d’aggressività, ha imposto il proprio fisico e non s’è mai risparmiato al tiro, affinando il semigancio in avvicinamento a canestro, diventato un marchio di fabbrica. Ha garantito minuti di riposo a Gaetano e qualità negli allenamenti. Gli otto punti realizzati nella decisiva gara-3 contro la Italservice Pesaro, valsa la promozione in B Nazionale, hanno sublimato la sua crescita. E così la società ha deciso di puntare di nuovo su di lui: “Appena ho saputo che il club voleva che fossi un giocatore della Virtus pure nella prossima stagione, sono stato contentissimo – ha dichiarato il centro -. So già che ritroverò una città che trasuda pallacanestro e una società super preparata per affrontare un campionato di livello nazionale. Spero di ripagare la fiducia che mi è stata data e non vedo l’ora di iniziare un’altra annata da virtussino. Il mio obiettivo è continuare a migliorare”.

LA VIRTUS RAGUSA SI FERMA IN GARA 2: L’ALFA CATANIA CONQUISTA LA FINALE PLAY-OFF

La Virtus Ragusa gioca, corre, tanto, lasciando tra le mura amiche del Pala Padua ogni energia a sua disposizione ma non riesce a conquistare le finali playoff lasciando il pass all’Alfa Catania. Sfuma cosi il sogno dei ragazzi di coach Trovato di proseguire il cammino per raggiungere la finale play-off. I catanesi hanno spinto il piede sull’acceleratore sin da subito e ci hanno creduto fortemente fino a chiudere i conti off stoppando la Virtus a gara 2.

LA VIRTUS RAGUSA VOLA ALLE SEMINFINALI PLAY-OFF: BATTUTO IN GARA 3 IL MINIBASKET MILAZZO

La Virtus Ragusa conquista gara 3 dei quarti di finale play-off chiudendo così i conti con il Minibasket Milazzo e accedendo alle semifinali. Sulle 5 partite giocate contro la compagine mamertina in questa stagione i ragusani ne hanno vinte 4. Anche quest’ultima partita è stata condotta stabilmente dagli uomini di coach Trovato che si sono ritagliati un ampio break e lo hanno blindato fino alla fine.

DETERMINAZIONE E CONCRETEZZA PERMETTONO ALLA VIRTUS RAGUSA DI AGGIUDICARSI GARA 1 DEI PLAY-OFF CONTRO IL MINIBASKET MILAZZO

Partono i play-off della serie C Silver e ai nastri di partenza la Virtus Ragusa si fa trovare pronta e determinata. Questa nuova fase della stagione ha inizio ospitando tra le mura amiche del Pala Padua il Minibasket Milazzo di coach Restanti, quinta forza del campionato alla fine della regular season. Gara intensa dove Ragusa ha dominato in tutte le frazioni di gioco tenendo sempre a debita distanza i mamertini che non sono mai riusciti a superare gli iblei.

UNA VIRTUS RAGUSA MAI DOMA BATTE A DOMICILIO IL BASKET GIARRE

Penultima giornata della fase ad orologio della serie C silver e la Virtus Ragusa vola in trasferta in terra etnea per affrontare il Giarre di Coach D’Urso. Partita improntata sulla velocità che ha visto le due compagini di gioco scontrarsi a viso aperto ma che alla fine ha premiato i ragusani.