fip blue 1000

Sito ufficiale Virtus Ragusa

Sito ufficiale Virtus Ragusa

Recupido sfida la Siaz e la sfortuna: “Siamo una squadra”

Il coach della Virtus presenta la trasferta di domani a Piazza Armerina: “Due assenze importanti, ma non vogliamo farci condizionare”

La Virtus va a Piazza Armerina in condizioni d’emergenza, specie nel reparto lunghi: per la seconda giornata di ritorno, al PalaFerraro, non ci saranno Calvi e Vavoli, entrambi reduci da un infortunio. Ragusa, però, è in fiducia, ha vinto le ultime sette partite e non ha alcuna intenzione di mollare il primo posto. Ma serve rispetto e accortezza contro una squadra che di recente ha ingranato le marce alte: la Siaz ha vinto tre delle ultime quattro gare (l’unico k.o. a Reggio Calabria) e dista due punti dal quarto posto di Sala Consilina. Ci sono tutti gli elementi per un grande pomeriggio di basket.

“Piazza Armerina – spiega coach Gianni Recupido alla vigilia – ha un roster di livello, con grandi individualità. Ma grazie al lavoro dello staff tecnico stanno tirando fuori un ottimo gioco corale e sarà un problema per tutti affrontarli. Credo che a inizio stagione siano stati rallentati dagli infortuni, che ne hanno pregiudicato la preparazione e la prima parte del campionato, ora hanno cambiato registro e trovato la quadratura. Mi aspetto una partita difficile”.

La salute, in questo momento, è la nota più dolente in casa Virtus. Recupido però non si scoraggia: “E’ vero che veniamo da due settimane tribolate, con un paio di infortuni pesanti dovuti a situazioni di gioco – dice il coach -. In settimana c’è stato qualche altro acciacco che dovremmo riuscire a gestire, ma quello che noi stiamo cercando di fare ogni giorno in allenamento è costruire un sistema e creare un’identità al di là delle assenze. Ci portiamo dietro la nostra forza e le nostre convinzioni”. La gara, valida per la tredicesima giornata del girone H del campionato di Serie B Interregionale, si disputerà domenica alle 18 sul parquet di Piazza Armerina. Arbitrano Cappello di Porto Empedocle e Mameli di Augusta.

Condividi: