fip blue 1000

Sito ufficiale Virtus Ragusa

Sito ufficiale Virtus Ragusa

Gaetano carica l’ambiente: “Con Sala ci attende una battaglia”

Domenica la Virtus torna a giocare davanti ai propri tifosi. Sfida al vertice coi campani: “Sono completi in ogni ruolo. Noi ci stiamo allenando al massimo”

L’eco della sconfitta con Capo d’Orlando si disperde, pian piano, fra le mura del PalaPadua, dove la Virtus Ragusa si sta preparando alla prossima gara, domenica alle 18, contro la Diesel Tecnica Sala Consilina. Uno scontro diretto che vale doppio, dato che le due squadre (assieme alla Viola) occupano la seconda posizione in classifica e lotteranno fino alla fine per scalare le gerarchie del girone H, in vista della seconda fase.

Recupido spera di recuperare qualcuno degli infortunati, anche se alle assenze spesso si sopperisce con lo spirito: “E’ vero – esordisce Franco Gaetano – a Capo d’Orlando ci mancava Vavoli e Calvi, che non era al massimo, è stato a disposizione per pochi minuti nei primi due quarti. Ma questo non deve diventare un alibi. E non lo è stato neppure domenica, perché siamo riusciti a compattarci e abbiamo provato a dare il massimo, rimanendo in partita fino alla fine. Forse c’è mancata un po’ di cattiveria, di cazzimma e di grinta in più per portarla a casa. Ma vanno fatti i complimenti anche agli avversari: sono un team egregio e hanno messo in campo tutte le loro forza con caparbietà ed esperienza”.

Ora è tempo di guardare oltre. Perché il calendario offre a Ragusa quattro gare di assoluto livello nel giro di un paio di settimane. Si comincia domenica dalla sfida con Sala Consilina, che nel match d’andata inflisse alla Virtus la sconfitta più dolorosa della stagione: “Sarà una battaglia – continua Gaetano – E’ una sfida che rappresenta un crocevia per la nostra stagione. Ci stiamo allenando al 100 per cento, focalizzandoci sui dettagli. Loro sono una squadra importante a livello di roster, sono completi in ogni ruolo e hanno investito molto. Invito tutti i nostri tifosi al palazzetto perché abbiamo bisogno del loro sostegno per portare a casa il risultato”.

Condividi: