fip blue 1000

Sito ufficiale Virtus Ragusa

Sito ufficiale Virtus Ragusa

Virtus a Messina contro l’ultima: vietato distrarsi

Trasferta per Ragusa sul campo della Fortitudo. Recupido: “Loro sono giovani e possono esaltarsi. Noi dovremo impedirglielo e condurre la partita”

A due giornate dalla fine del girone d’andata, la Fortitudo Messina è ancora alla ricerca della prima vittoria. La Virtus, con quattro successi di fila, attraversa un momento positivo, come testimonia il secondo posto nel campionato di Serie B Interregionale (girone H), in coabitazione con la Viola e a due punti dalla capolista Orlandina. Alla Cittadella Universitaria, però, tutto questo non conta: “Le insidie sono sempre dietro l’angolo – avverte coach Gianni Recupido – perché come in tutti i testa-coda, la squadra che ha da perdere è quella che sta davanti. Penso sia un’occasione per misurare la nostra maturità”.

“Siamo stati bravi ad affrontare Castanea con l’atteggiamento giusto – ricorda Recupido -, dobbiamo essere altrettanto bravi con la Fortitudo, specie perché giochiamo in trasferta. Loro sono una squadra giovane, che può esaltarsi facilmente e con una tipologia di gioco molto frizzante. Hanno talento e se non ti fai trovare pronto puoi andare in difficoltà”.

Nell’ultima trasferta sul parquet di Capo d’Orlando, i neroverdi di coach Cavalieri hanno ceduto solo nei minuti finali al blasone degli avversari. Leonardo Marinelli è nella Top Ten del campionato con una valutazione media di 17.8 a partita e il 35% dall’arco. Anche Tagliano è un elemento di valore, come testimoniano le cifre (15 punti di media). La compagine neroverde è cresciuta molto nell’ultimo mese. “Noi dobbiamo mostrarci come una squadra seria, accorta, presente in difesa e indirizzare la partita sui nostri binari, e non su quelli che vorranno imporci loro – spiega ancora Recupido -. Dovremo dimostrare a noi stessi di essere migliorati a livello mentale e d’atteggiamento”. Arbitrano l’incontro i signori Loccisano di Cosenza e Mameli di Augusta. Palla a due sabato sera alle 19.

Ph: Giovanni Cassarino

Condividi: